Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Giustizia, chi la fa l’aspetti. Il caso del prefetto Pecoraro

In: Newslot

7 luglio 2014 - 12:40


tribunale_civile_roma

(Jamma) – Affari Italiani.it venerdì scorso ha pubblicato una notizia e un breve commento sulla iniziativa del prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro contro la società Bplus, il più grande concessionario di giochi legali, plurichiacchierato perché il suo azionista di maggioranza è Francesco Corallo, inquisito e arrestato per lo scandalo Bpm ma poi scagionato dalla Cassazione.


«Qualche giorno fa – scrive Affari Italiani.it – il pentito cammorrista Antonio Iovine, sulle cui dichiarazioni-fiume, considerate molto attendibili, la Procura sta costruendo un grosso teorema accusatorio, ha iniziato a svelare i segreti del clan camorristico dei Casalesi. Tra gli altri, ai pm Iovine ha fatto i nomi di un magistrato ed un avvocato: Pietro Lignola, presidente in pensione della corte d’assise di Napoli e l’avvocato Sergio Cola, ex parlamentare di Alleanza nazionale. Li avrebbe pagati per “aggiustare” processi a carico suo e dei casalesi. Ebbene, Cola è cognato di Pecoraro. Cosa farà, adesso, il prefetto: un’auto-interdittiva?»

 


Nessun articolo correlato trovato



Realizzazione sito

www.jamma.it utilizza i cookies per offrirti una navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti che si usino cookie per le finalità espresse nella nostra cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi