Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Decreto fiscale e norme antimafia. Panorama: “A rischio il mercato dei giochi”

In: Automatico, Cronache, Newslot, Videolottery

2 aprile 2012 - 15:01


(Jamma) Il settimanale Panorama pubblica un articolo sulla questione della norma contenuta nel decreto fiscale (all’esame del Senato) in materia di disposizioni antimafia a carico dei concessionari di gioco pubblico. Panorama scrive di come , con l’applicazione della norma in questione, si sarebbe potuto mettere a rischio un mercato, quello dei giochi, che vale 9 miliardi di entrate erariali. Quasi la metà 3,9 miliardi, proviene dagli apparecchi da intrattenimento, settore nel quale il maggiore concessionario italiano è il Gruppo B Plus, azienda impegnata con slot machine Awp, videolottery Vlt, scommesse e bingo, e che dall’inizio dell’attività a oggi ha versato all’erario oltre 5 miliardi di euro fra tassa sul gioco e canone di concessione. Infatti – si legge su Panorama – con il 23 per cento, il gruppo detiene la maggiore quota di mercato delle Awp e è il maggiore contribuente italiano sia per questo comparto sia per le Vlt. Riguardo alle videolottery, B Plus ha acquistato tutti i diritti di installazione delle Vlt versando 180 milioni allo Stato. L’azionista di riferimento del gruppo è Francesco Corallo, imprenditore che ha molto contribuito allo sviluppo dei giochi e all’aumento delle entrate erariali nel settore degli apparecchi di intrattenimento, prima caratterizzato dai videopoker gestiti in gran parte dalla criminalità organizzata e oggi praticamente scomparsi. Corallo – si legge ancora – sposato con la fotografa di National Geographic Rita Villanueva, si dedica anche a iniziative non-profit in Sud America, grazie a cariche istituzionali ricevute da vari governi. Oltre al Gruppo B Plus, gli altri concessionari sono una dozzina, ma sono migliaia quelli del settore scommesse e del bingo.

Per leggere l’articolo clicca qui : art.panorama

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito