Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Campione avvia azione legale contro lo Stato italiano per l’eccessiva diffusione delle slot machine

In: Apparecchi Intrattenimento, Casinò, Newslot

3 dicembre 2012 - 10:34


Casino' Campione2897
Casinò di Sanremo. Per il sindacato Ugl la proposta di commissariamento fatta da Snalc è strumentale

 

Sanremo. Continua la crisi degli incassi del Casinò, -18,30% rispetto allo 2011

 

Sanremo. Lo Snalc chiede l’intervento del Prefetto Spena per la salvezza del Casinò

 

(Jamma) Il comune di Campione d’Italia, alle prese con una profonda crisi del suo Casinò, ha deciso di avviare un’azione legale contro lo Stato italiano per aver permesso la diffusione di slot machine su tutto il territorio nazionale.

Campione d’Italia teme per il destino del suo Casinò. Da mesi la casa da gioco dell’enclave si dibatte in una grave crisi finanziaria che potrebbe costringerla a ricorrere a massicci licenziamenti. Il comune, principale beneficiario della casa da gioco, ha già ridotto le sue pretese finanziarie e molti addetti della casa da gioco hanno accettato il tempo parziale. Tutte misure che dovrebbero permettere di arginare il deteriorarsi della situazione. Tuttavia, il vero nodo, secondo il municipio campionese, sta nel fatto che il governo di Roma ha permesso, negli ultimi anni, la diffusione in tutto il paese di sale munite di slot machine. Tutto ciò, unito alla crisi economica e al cambio sfavorevole franco-euro, sta tenendo lontano i giocatori da Campione. Ora, l’esecutivo è deciso a reagire e ha avviato un’azione legale contro lo Stato italiano. Il comune punta quindi a ottenere una partecipazione agli incassi sul gioco delle sale slot in modo da ammortizzare le perdite nel suo Casinò. La misura potrebbe fare proseliti: Venezia, Saint Vincent e Sanremo, confrontati con gli stessi problemi, sarebbero intenzionati a seguirne l’esempio.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito