Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

AAMS. Pagamenti oltre i 1.000 euro: da effettuare esclusivamente come previsto dalla norma

In: Apparecchi Intrattenimento, Newslot, Videolottery

2 febbraio 2012 - 18:38


soldi_6781

(Jamma) Il direttore per i giochi di AAMS, Antonio Tagliaferri in una nota inviata a tutti i concessionari di giochi pubblici richiama l’attenzione sulle misure introdotte sull’uso del contante pari o superiore alla soglia di 1.000 euro.

Il direttore ricorda che le giocate e i pagamenti delle vincite superiori ad euro 1.000 dovranno essere effettuati esclusivamente attraverso gli strumenti di pagamento consentiti dalla norma.
L’art. 49 del decreto legislativo 231/2007, e successive modificazioni e integrazioni sino a giungere all’art. 12 del decreto legge 201/2011, convertito con modifiche della legge n. 214 del 22 dicembre 2011, vieta “il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore oggetto del trasferimento è complessivamente pari o superiore a 1.000 euro”.
Il trasferimento può tuttavia essere seguito per il tramite di banche istituti di moneta elettronica e poste Italiane SpA.
Pertanto, – si legge nella comunicazione AAMS – i prelievi/versamenti di contante sopra soglia sul proprio conto corrente, o libretto postale nominativo, o effettuati anche con carta di credito, non costituiscono automaticamente violazione dell’art. 49 citato (v. circolari MEF del 16 gennaio 2012 e del 4/11/2011).
L’importo di 1.000 euro è riferito alla somma complessiva del trasferimento . Pertanto, è vietato anche suddividere “artificiosamente” un unico importo di 1.000 euro, o superiore, in più pagamenti in contanti di importo singolarmente inferiore al limite previsto, ma relativi alla medesima transazione economica. Si precisa che il limite dei 1.000 euro costituisce soglia per infrazione sanzionabile a partire dal 1° febbraio 2012, mentre dal 1° settembre 2011 vigeva il limite di 2.500 euro, che sostituiva il precedente limite di 5.000, effettivo dal 16 giugno 2010; fino a quest’ultima data il limite era pari o superiore a 12.500 euro.
Si richiama l’attenzione sulle misure recentemente introdotte e, in relazione a tanto, si ritiene che le giocate e i pagamenti delle vincite superiori ad euro 1.000 dovranno essere effettuati esclusivamente attraverso gli strumenti di pagamento consentiti dalla norma sopra richiamata.
Si invitano inoltre i concessionari a rendere edotta la clientela attraverso opportune forme di comunicazione delle suddette novità normative indicando preventivamente anche le forme di pagamento delle vincite che saranno adottate sopra la soglia dei mille euro.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito