Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

A Casteggio il sindaco allerta prefettura e questura contro le sale giochi

In: Apparecchi Intrattenimento, Cronache, Newslot, Videolottery

27 agosto 2012 - 11:01


awpolada

Marcon. Tarricone (Idv): “Rafforzare i servizi sociali per contrastare i rischi del gioco d’azzardo”

 

(Jamma) Alla luce delle possibili aperture di nuove sale giochi il Comune di Casteggio, Pavia, ha inviato una lettera alla prefettura ed alla questura, ricordando come si sia già attivato per evitare il diffondersi di strutture simili. La comunicazione scritta, firmata dal sindaco Lorenzo Callegari, sottolinea come all’interno del Piano di Governo del Territorio, già pienamente operativo, siano state inserite una serie di norme che pongono vincoli contro l’insediamento di sale bingo, agenzie scommesse, sale slot: «Il prefetto aveva reso noto che i Comuni avrebbero potuto muoversi contro l’arrivo di nuove sale giochi, per tutelare i propri cittadini ed evitare che si rovinino con il gioco d’azzardo, e noi avevamo colto questa opportunità perché convinti che in tempi così difficili l’ente pubblico si debba attivare in questo senso e lo abbiamo fatto attraverso lo strumento urbanistico – ha spiegato Lorenzo Callegari – Con la mia lettera voglio appunto ricordare alle istituzioni competenti che nel nostro Pgt esistono delle regole che non ammettono realtà del genere all’interno del nucleo di antica formazione, inoltre negli altri ambiti del tessuto urbano devono essere comunque distanti almeno 150 metri da luoghi di culto, strutture di tipo sanitario, scuole e caserme».

Nel caso della nuova sala slot che si affaccia sulla via Emilia e che dovrebbe presentare richiesta di autorizzazione direttamente in questura, dunque, potrebbero esserci dei problemi, in quanto non esiste la distanza minima dalla locale stazione dei carabinieri. Un altro requisito fissato all’interno del regolamento riguarda la presenza di parcheggi pari al 100% della superficie lorda di pavimento dei locali. «L’amministrazione comunale, pur con i noti vincoli di bilancio per i tagli imposti a livello governativo, fa già qual che può per aiutare le persone indigenti, erogando contributi e pagando le bollette per le utenze domestiche – ha concluso il sindaco di Casteggio – Anche attraverso il regolamento contro le sale giochi abbiamo voluto essere vicini alle persone in difficoltà dal punto di vista economico, impedendo che vadano ulteriormente ad aggravare la propria condizione davanti ad una slot machine».

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito