Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Newslot: i primi 10 mesi del 2012

In: Apparecchi Intrattenimento

3 gennaio 2013 - 17:16


bernardi

Pavia. La provincia pensa ad una certificazione “Family” per i locali anti-slot

 

Legautonomie. I Comuni no-slot presentano il manifesto

 

Contro il gioco, il sindaco di Rho sollecità l’intervento del governo

 

 

 

 

(Jamma) – Il commento – scrive Eugenio Bernardi – sui dati di agosto, al netto di piccole imprecisioni, si conferma nell’analisi dei dati di ottobre, ovvero: più aumentano i terminali VLT e più la media per apparecchio giornaliera diminuisce. Il fenomeno vale in parte anche per le New Slot ed è dovuto  alla congiuntura economica generale che tutti conosciamo.

Analisi dei dati disponibili del mese di ottobre 2011 e del mese di ottobre 2012

NEW SLOT(comma 6/a) Con l’aumento di un 5,42% di apparecchi installati (da ottobre 2011 ad ottobre 2012) hanno fatto una media giornaliera del – 15% in meno, ovvero si è passati da una media di euro 233,33 (nel mese di ottobre 2011) a euro 202,61 (nel mese di ottobre 2012).

Raccolta New Slot gennaio / ottobre 2011 pari a 24.366 milioni.

Raccolta New Slot gennaio / ottobre 2012 pari a 22.716 milioni pari a 1.650 milioni in meno rispetto all’anno precedente e corrispondenti ad una contrazione del – 6,77%.

Raccolta PREU presunta (11,8% + 0.8% AAMS) primi 10 mesi pari a 2.862,2 milioni.

Raccolta VLT gennaio / ottobre 2011 pari a 9.938 milioni.

Raccolta VLT gennaio / ottobre 2012 pari a 15.688 milioni pari a 5.750 milioni in più corrispondenti al + 57,85 % .

Raccolta PREU per le VLT (comma 6/b) ( 4 % + 0.8% AAMS) primi 10 mesi pari a 753 milioni.

Con l’aumento del 45,37 % di terminali installati (da ottobre 2011 ad ottobre 2012) si è riscontrato un abbassamento della media giornaliera del– 26,8 % in meno. ovvero si è passati da una media di euro 1.296,12 (nel mese di ottobre 2011) a euro 1.022,59 (nel mese di ottobre 2012).

Il dato delle VLT se pur aumentando del 57,85% la raccolta contro un aumento dei terminali del 45,37% si è avuta una forte contrazione delle medie giornaliere del – 26.8%.

Non conosciamo i nuovi dati di fine anno, delle messe in esercizio delle New Slot, visti i notevoli blocchi dovuti, al rinnovo delle concessioni, all’incorporazione da parte delle Dogane dei Monopoli di Stato, la situazione permane preoccupante, visti gli aumenti del PREU per le New Slot per il 2012 al 12,7% ( con contemporaneo abbassamento della percentuale al 74%) e per le VLT passato al 5% (dal 4,5% previsto ).

Resta preoccupante la forte attenzione dei media sul settore del gioco, spesso strumentalizzato, oltre a tutta una serie di blocchi o limitazioni di Sindaci e disposizioni del Ministero della Sanità (cartelli e avvisi), vedasi anche legge provinciale Provincia Autonoma di Bolzano e Legge Regionale della Liguria.

Se pur giustamente si sono presi alcuni provvedimenti per arginare il gioco patologico (solo ora i più si sono accorti dell’aumento esponenziale dell’offerta di gioco) colpevolizzando spesso le così dette slot machine (ora non li chiamano più o quasi videopoker) naturalmente facendo di tutta l’erba un fascio quindi non distinguendo fra New Slot e Videolottery, in termini di spesa, ma colpevolizzando solo la presenza delle prime nei locali pubblici e ignorando l’aumento di sale dedicate delle seconde, senza contare che nulla o poco dicono della futura diffusione delle slot on line, vicine o lontane dai famigerato luoghi sensibili.

 

 

Parlamento che cavalca il gioco, parlamento scavalcato da (certi) giochi

In questo inizio anno vorrei trarre alcune considerazioni della legislatura passata ormai passata  in cavalleria , non è che mi aspetto molto da quella futura, anche perché nella famosa e un po’ fumosa “Agenda Monti”, al gioco è dedicata una frase a pag.24 “Bisogna inoltre rafforzare le misure sui giochi in concessione …………………”.

Ancor peggior è la proposta di chi vorrebbe abolire l’IMU e aumentare la tassazione sui giochi, a chi pensate toccherà?

Dei 56 mesi e 22 giorni della XVI Legislatura non abbiamo o almeno non ho un bel ricordo, iniziata male e finita certamente peggio.

 

Volevo qui elencare gli atti salienti che la XVI Legislatura ha prodotto sul settore del gioco a piccola vincita, le così dette New slot, atti, leggi e proposte che hanno fatto si di portare il settore ai giorni nostri con una nomea niet’affatto bella nonostante la stragrande maggioranza degli operatori abbia aderito compiutamente alla normativa italiana sul gioco legale, ma è troppo lunga e tendenzialmente innervosente farò solo pochi accenni:

se la memoria non mi inganna il primo provvedimento fu del settembre 2008 in cui abbiamo rischiato di sparire[C1]  , poi una volta salvi!!!!         è venuto l’aumento del PREU al 12,7% per l’UNIRE, poi il secondo in pochi giorni al 13,4% per il CONI, poi e forse giustamente a inizio 2009 è stato varato il PREU a scaglioni.

 

Nel 2009 è arrivato il terremoto dell’Abruzzo che ha dato il là all’altro terremoto dovuto all’arrivo di ben 57 mila VLT (e tutti gli altri giochi fra cui la liberalizzazione dell’on line e del poker live) e qui i ben pensanti (dell’ultima ora) le hanno votate tutte senza aver nulla da obiettare, anzi alcune note indagini ci dicono di qualche santa mano abbia scavalcato addirittura i Monopoli, facendo trovare un testo consono a chi voleva e poteva usufruirne della ghiotta occasione, vedremo se una sentenza ribadirà le ipotesi dei PM.

 

È accaduto e accadrà che,  nonostante l’aumento dei volumi di raccolta ( degli anni scorsi) e quindi di aumento volumi del PREU incamerato sui giochi a vincita limitata, qualcuno ad ogni nuova finanziaria o a decreti omnibus per reperire risorse ci tirava in mezzo, addirittura proponendo vertiginosi aumenti del PREU, chi al 20% chi al 21%,  con una abissale ignoranza sul tema, come l’uso di emendamenti modificanti la legge che istituì il PREU a scaglioni, ormai sorpassata o decaduta con la sopravvenuta legge 26 aprile 2012, n. 44 art.10 comma 9 ( per capirci che istituì la variazione di percentuale al 74% per le New Slot, altri aumenti di PREU e tassa sulle vincite, per le VLT bloccata alla Corte costituzionale).

 

In questo inizio anno dopo tutti gli adempimenti burocratici(cartelli ASL, targhette) i controlli amministrativi e fiscali e le paventate novità delle comma 6/a al 74% oltre alle future nuove macchine, ecc.ecc. mi sovviene infine la frase della nota comica (L.Litizzetto) ovvero: la pragmatica sensazione che ci hanno rotto il caz………., nonostante le rassicurazioni del nuovo responsabile di Piazza Mastai.

 

Saluti E.Bernardi

 

 

 

 

 

Apparecchi aggiornati al 21/10/2012

 

PANORAMICA APPARECCHI

Apparecchi con N.O. Esercizio
(A)

Apparecchi con N.O. Esercizio sospeso
(B)

Apparecchi in normale esercizio

Apparecchi non in normale esercizio
(E)

In magazzino
(C)

In esercizio
(D)

414.924

1.753

3.149

379.053

30.969

LEGENDA

(A)

N° Apparecchi Comma 6a i cui nulla osta risultano intestati al concessionario

(B)

N° Apparecchi di (A) con pratica amministrativa di sequestro acquisita

(C)

N° Apparecchi di (A) in condizioni di normale esercizio, ubicati presso un magazzino del concessionario

(D)

N° Apparecchi di (A) in condizioni di normale esercizio, ubicati presso un pubblico esercizio del concessionario

(E)

N° Apparecchi di (A) non in condizioni di normale esercizio, bloccati in magazzino od in manutenzione straordinaria.

Media incasso giornaliero ottobre 2012 New slot (com. 6/a) euro 202,61 (2.304 milioni) -15%

Apparecchi Comma 6b

Numero di apparecchi installati:

45.277

Media incasso giornaliero ottobre 2012 VLT  (com. 6/b) euro 1.022,59 – (1.389 milioni) -26,8%

 

Apparecchi aggiornati al 26/10/2011

 

Apparecchi con N.O. Esercizio
(A)

Apparecchi con N.O. Esercizio sospeso
(B)

Apparecchi in normale esercizio

Apparecchi non in normale esercizio
(E)

In magazzino
(C)

In esercizio
(D)

392.155

1.148

5.615

359.556

25.836

Media incasso giornaliero ottobre 2011 New slot (comma 6/a) euro 233,33 (2.409 milioni)

Apparecchi Comma 6b installati: 31.144

Media incasso giornaliero ottobre 2011 VLT  (comma 6/b) euro 1.296,12  – (1.211 milioni)

 

 

 


 [C1]Il testo dell’emendamento al decreto legge sui Giochi approvato dalla Commissione Finanze della Camera.

1. Al fine di promuovere il completamento della disciplina in materia di apparecchi per il gioco lecito di cui all’articolo 110, comma 6, lettera b), del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, conseguendo preventivamente esperienze in ordine alle cautele occorrenti per assicurare la più efficace tutela dei giocatori e la più appropriata organizzazione della rete di raccolta dei relativo gioca, nonché al fine di perseguire il successivo obiettivo diuna progressiva sostituzione di tali parecchia quelli di cui alla lettera a) del medesimo comma, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, previo parere delle competenti commissioni parlamentari, sono dettate le disposizioni occorrenti per disciplinare, nel rispetto dell’articolo 110, comma 6, lettera b), dei regio decreto n. 773 del 1931, la sperimentazione degli apparecchi di cui al predetto articolo 110, comma 6, lettera b), nonché per la sperimentazione della raccolta del gioco praticato mediante i medesimi apparecchi”.

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito