Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Chiavenna. A breve limiti all’orario di apertura delle sale da gioco

In: Apparecchi Intrattenimento, Cronache

16 febbraio 2012 - 12:40


slot1

(Jamma) Sarà pubblicata a breve l’ordinanza dell’amministrazione comunale di Chiavenna che disciplinerà in futuro le aperture per gli esercizi pubblici allestiti specificamente per lo svolgimento del gioco lecito e dotati di apparecchi di divertimento e intrattenimento. Queste attività non rientrano tra quelle considerabili come commerciali e di somministrazione di alimenti e bevande, che ormai da un mese non hanno più limitazioni per quanto riguarda l’orario. La potestà in questo caso spetta al sindaco e il primo cittadino di Chiavenna nei giorni scorsi ha deciso di disciplinare la materia. Rifacendosi, peraltro, ad una delibera del consiglio comunale del 2008 che prevedeva come criteri ispiratori generali la tutela dei minori e quella degli utilizzatori in riferimento alla necessità di contenere i rischi connessi alla moltiplicazione delle occasioni di intrattenimento legate al gioco d’azzardo, contenere i costi sociali e economici, oltre che umani e morali, derivanti dall’abuso del gioco e promuovere nella popolazione una cultura positiva circa la funzione “sociale” di ogni forma di intrattenimento ludico privilegiando giochi che non prevedano vincite in denaro.

Non sono questi, tuttavia, i soli obiettivi dell’amministrazione guidata da Maurizio De Pedrini. Nell’ordinanza si tiene anche conto «delle esigenze di quiete pubblica e di evitare disagi per i cittadini abitanti nelle vicinanze di tali esercizi, della necessità di tutelare la salute, la tranquillità e il riposo delle persone specialmente nelle ore notturne». Tradotto significa che, in pratica, di notte queste attività dovranno abbassare le saracinesche. Le autorizzazioni saranno concesse solo per un orario giornaliero che non vada oltre la mezzanotte, salvo particolari deroghe per situazioni limitate nel tempo. L’ordinanza, che per capirsi non riguarda i tabaccai o i bar dove sono presenti slot machine, stabilisce dalle 11 del mattino alle 24 l’orario di apertura di queste attività. Tra gli obblighi derivanti dall’ordinanza, e dalla legge, quelli di esporre i cartelli e impedire, comunque, l’utilizzo dei giochi ai minori di diciotto anni. Per quanto riguarda le sanzioni si va da 50 a 500 euro in caso di mancata esposizione del cartello con gli orari e da 100 a 500 euro nel caso in cui gli orari non vengano rispettati.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito