Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Blandini (Siae) su convenzione controlli con ADM: “Controlli su slot in Campania e Calabria vengono effettuati direttamente da Monopoli e Gdf”

In: Apparecchi Intrattenimento

23 ottobre 2015 - 12:57


Gaetano_Blandini_Siae

(Jamma) I controlli sugli apparecchi da intrattenimento, compresi quelli a vincita, ovvero le slot, nelle regioni di Campania e Calabria vengono effettuati direttamente da addetti dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli insieme agli agenti della Guardia di Finanza. Così il direttore generale della Siae Gaetano Blandini spegne sul nascere qualsiasi ‘caso’ circa l’espletamento dei controlli da parte degli agenti della Siae nei pubblici esercizi. Proprio ieri i senatori Gianluca Rossi, e Lucrezia Ricchiuti (PD) hanno presentato una interrogazione parlamentare ai Ministri dell’Economia e degli Interni sottolineando che “tale circostanza potrebbe costituire una problematica di ordine pubblico ma anche, come sempre accade in questi casi, anche un danno economico alla collettività”, e sollecitando misure “riguardo ai controlli previsti dalle convenzioni tra SIAE e agenzie fiscali al fine di recuperare gettito fiscale”.
Blandini spiega infatti che i controlli vengono effettuati dagli agenti incaricati secondo indicazioni fornite con indicazione bimestrale dall’Agenzia dei Monopoli in base a quanto stabilito dalla convenzione firmata con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.
Non posso dire con certezza quali siano le ragioni in base alle quali i nostri incaricati non vengono utilizzati per effettuare i controlli in queste due regioni. So con certezza che i controlli vengono svolti direttamente da impiegati dell’Agenzia e agenti della Guardia di Finanza. Posso supporre che alla base ci siano valutazioni legate alla specificità di queste zone e delle problematiche legate alla realtà dei pubblici esercizi di queste aree. Non dimentichiamo che in diversi casi agenti della Siae che svolgevano la loro attività in Calabria si sono visti bruciare la loro auto come esplicito atto intimidatorio” osserva Blandini.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito