Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Bernardi sentito da Baretta sui problemi creati dalla Stabilità e sulle bozze della Delega fiscale

In: Apparecchi Intrattenimento

1 aprile 2015 - 09:32


bernardinuova

(Jamma) – Nella giornata di ieri presso il MEF si è svolto l’incontro fra il consulente tecnico Eugenio Bernardi e il sottosegretario Pier Paolo Beretta. Bernardi è stato invitato ad esporre le proprie argomentazioni sulla bozza del decreto di Delega fiscale circolante e sulle conseguenze della legge di Stabilità dopo le critiche espresse dal tecnico con gli ultimi articoli sull’operato del governo e sulle esternazioni del sottosegretario.

Bernardi, sentito da Jamma subito dopo l’incontro, conferma tutte le sue perplessità e confida nel buon senso del sottosegretario che, seppur aperto al confronto, rimane sulle posizioni espresse con la bozza di Delega.

 

I punti fondamentali discussi sono stati: la stesura degli accreditamenti degli enti di certificazione degli apparecchi; le AWP “da remoto” e tutte le perplessità operative oltre che di fattibilità del prodotto; il nuovo registro per il gestore la sua definizione come attore della filiera; i limiti numerici delle AWP nei bar e la necessità di eliminare le distanze metriche fra gli apparecchi; il problema della soglia minima di 200 AWP per operare come gestore che lede la libertà d’impresa.

 

Per Bernardi la bozza di Delega resta confusa e poco rispondente alla realtà: “Il sottosegretario è alla ricerca di rimediare alla tassazione dei 500 milioni una tantum, scesi per ora alla prima rata di 200 milioni. Attende una proposta unitaria, per trovare questi soldi, già spesi dall’esecutivo”.

 

Bernardi ha fatto la sua proposta, accolta con interesse, dichiarando disponibilità ad ulteriori incontri chiarificatori.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito