Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Alto Adige, 2,7 macchinette ogni 1000 abitanti. Oltre la metà dei Comuni ha attivato misure per la riduzione delle offerte di gioco

In: Apparecchi Intrattenimento

19 marzo 2015 - 17:45


slot7

(Jamma) – Il Forum Prevenzione ha ricevuto l’incarico, in collaborazione con la Rete gioco d’azzardo e in accordo con il Consorzio dei Comuni, di effettuare una rilevazione sullo stato effettivo dei giochi d’azzardo (apparecchi da intrattenimento) presenti nei Comuni dell’Alto Adige e quali misure di prevenzione sono state adottate dalle amministrazioni comunali coinvolte.

 

La conduzione e la rilevazione dei dati sono stati svolti dal Centro di Ricerca Sociale e demoscopica apollis. Alla base della rilevazione c’è la consapevolezza che negli ultimi anni l’istallazione delle macchinette abbia favorito in modo sempre più crescente la dipendenza dal gioco.

 

Il questionario online, in novembre 2014, è stato inviato a tutti i Comuni per raccogliere i dati quantitativi per esempio; numero di macchinette, offerte di lotterie, luoghi e tipo di giochi, e le misure adottate per la riduzione o prevenzione delle offerte di giochi d’azzardo.

 

Più del 90% di tutti i Comuni dell’Alto Adige, 109 su 116 vi hanno partecipato. Fra questi purtroppo mancano i dati quantitativi del Comune di Bolzano. I dati quantitativi si riferiscono quindi ad un territorio dove vivono, i tre quarti degli/le altoatesini/e, mentre le dichiarazioni relative alle misure adottate si riferiscono al 96% della popolazione.

 

Alcuni dati emersi dalla rilevazione:

 

Più del 90% di tutti i Comuni dell’Alto Adige, 109 su 116 hanno partecipato alla rilevazione, 106 sono stati i questionari compilati completamente. Nei territori rispetto ai quali si hanno i dati quantitativi, risulta che in tutto ci sono 1.045 macchinette in 220 luoghi.

 

La distribuzione delle macchinette per Comune non è omogenea. In assoluto in cima alla lista primeggiano i capoluoghi più grandi, fra i quali le città di Merano (317 macchinette), Brunico (100) e Bressanone (78). Non ci sono dati per il Comune di Bolzano. In relazione però al numero di macchinette per 1000 abitanti in cima alla lista spicca Merano, seguita a ruota da medi e piccoli Comuni (Egna, Corvara, Prato Stelvio, Varna e Nalles).

 

In media per ogni 1.000 abitanti ci sono a disposizione 2,7 macchinette, la concentrazione locale di macchinette varia fra 8 a Merano e Egna e 0 nei Comuni liberi da macchinette. In tutto sono 38 i Comuni, che soprattutto per le loro caratteristiche periferiche e rurali, sono completamente liberi dalle macchinette. Ci sono 218 punti vendita di Gratta & vinci e le lotterie, che si trovano principalmente nei bar (36% di tutti i punti vendita), seguiti dai tabacchini (30%) e dai negozi (28%).

 

Buona metà, vale a dire 56 dei 107 Comuni intervistati hanno attivato negli ultimi 4 anni delle misure per la riduzione delle offerte di gioco d’azzardo. Principalmente si è trattato di misure legislative quali lo sviluppo di un piano di zona, l’invito ufficiale ai gestori a rimuovere le macchinette. Nei tre quarti dei Comuni che si sono attivati e che hanno sviluppato negli ultimi quattro anni delle misure, possiamo dire che si sono raggiunti dei successi concreti, poiché sono state rimosse alcune o tutte le macchinette. 24 Comuni (poco meno di un quarto) stanno pianificando per il prossimo futuro (ulteriori) interventi per la riduzione delle offerte di gioco d’azzardo.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito