Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Milano. Sala giochi, Tar respinge ricorso contro provvedimento chiusura ad esercizio che non rispetta i limiti orari

(Jamma) Il Tar Lombardia ha respinto il ricorso del titolare di una sala giochi di Milano per il quale il Comune ha previsto la sospensione dell’attività di sale giochi per un giorno per inosservanza dell’ordinanza sindacale che limiti gli orari di funzionamento degli apparecchi. (altro…)

Sala Giochi. Tar Veneto, legittimo il provvedimento di chiusura del Sindaco per garantire la sicurezza urbana

(Jamma) “Il provvedimento impugnato, dopo aver richiamato la situazione della zona de qua e quanto già fatto dal Comune per contrastare il fenomeno di degrado, ed in particolare, per impedire la frequentazione della sala giochi in questione da parte di persone pericolose dedite ad attività illecite, risulta adeguatamente motivato circa la necessità di intervenire con nuove misure che consentano di ridurre o attenuare la presenza (altro…)

Sale giochi. Per il Tar i limiti d’orario devono essere giustificati da motivi di ordine pubblico

Roma. Vella (Api): Allarme gioco d’azzardo patologico in via Tiburtina

 

Tar Lombardia. Nessun limite orario per le slot 

 

(Jamma) Niente limiti d’orario per una sala giochi a meno che l’Amministrazione Comunale non dimostri la sussistenza di “comprovate esigenze di tutela dell’ordine e/o della sicurezza pubblica, nonché del diritto dei terzi al rispetto della quiete pubblica”. E’ con questa motivazione che i giudici del Tar Lombardia hanno accolto la domanda di sospensione cautelare del provvedimento del Comune di Milano con il quale vengono fissati orari di apertura e chiusura per una sala giochi . (altro…)

Circoli e locali pubblici, sempre necessaria la licenza art. 86 del Tulps per installare apparecchi da intrattenimento

 Sale giochi. Il Tar Veneto ribadisce la potestà dei comuni di intervenire nell’ambito pianificazione in sede di conferenza unificata

 

(Jamma) In nessun locale, che sia esercizio pubblico o circolo privato, può essere esercitata attività di svago a mezzo apparecchiature e congegni automatici in assenza di licenza ai sensi dell’art. 86 del T.U.L.P.S. E’ quanto hanno stabilito i giudici della V Sezione del Consiglio di Stato accogliendo il ricorso con il quale il Comune di Villa Literno chiedeva la riforma della sentenza del Tar Campania che aveva bocciato un provvedimento di chiusura di un locale. (altro…)

Sale giochi. Per il Tar Veneto l’obbligo di distanza dai luoghi sensibili deve essere previsto da norma nazionale

 

Scarica il testo integrale della sentenza a questo link sentenza Tar Vicenza

(Jamma) Con la sentenza n. 578/2013, la III Sezione del TAR del Veneto ha accolto il ricorso promosso dagli avv.ti Franco Zambelli e Gianfranco Fiorentini contro il Comune di Vicenza annullando il regolamento comunale per l’apertura delle sale da giochi e le norme tecniche attuative dello strumento urbanistico che prescrivevano limiti di distanze dei locali adibiti alle attività del gioco e delle scommesse dai luoghi ritenuti sensibili dalla Amministrazione comunale. Annullamento giustificato dal principio, ricavabile dal d.l. n. 158/2012, secondo cui gli strumenti pianificatori di contrasto alla ludopatia devono essere decisi a livello nazionale o comunque inseriti nel sistema della pianificazione nazionale. (altro…)

Genova. Dopo la protesta di don Gallo, il comune blocca l’apertura della nuova sala giochi

Confindustria sistema gioco italia si dissocia dalla campagna pubblicitaria sulla sala di Genova

 

Genova. Doria: ‘Contro il gioco serve una nuova legislazione nazionale’

 

(Jamma) Dopo la protesta che in poche ore ha raccolto le adesioni di Don Gallo, la Comunità di San Benedetto, partiti ed associazioni, il Comune di Genova ha deciso di bloccare l’inaugurazione della sala giochi con slot machine sul lungomare di Pegli dove era attesa anche la ‘madrina’ Nicole Minetti. (altro…)

Cars2_old_120x600
Realizzazione sito
Avvertenze Balduzzi