Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Schiavolin (Ad Snai): “Il rilancio dell’ippica passa dall’integrazione dell’ippodromo di Milano con la vita della città e le sue tradizioni”

In: Ippica

1 settembre 2016 - 09:46


fabio_schiavolin

(Jamma) – Metti una sera di fine estate, fra musica, cinema e degustazioni di prodotti tipici; metti l’anima e le radici di Milano rappresentate nelle atmosfere liberty dell’ippodromo del galoppo di San Siro; aggiungi il rito agonistico che unisce cavalli e fantini all’entusiasmo popolare: tutto avverrà sabato 3 settembre, dalle ore 18.00 all’una di notte, quando la ripresa delle corse al galoppo coinciderà con l’evento “Le Luci a San Siro”, organizzato da “Le Cannibale”, con ingresso gratuito.
Se Milano sarà come sempre il punto d’incontro di usi, tradizioni e costumi regionali, l’ippodromo di San Siro, di proprietà del Gruppo Snai, sarà per una sera il centro pulsante della città, come si conviene a una struttura che da quasi un secolo aggrega la passione cittadina per i cavalli. E a proposito di cavalli, “Le Luci a San Siro” è l’occasione per rivedere, dopo lunga assenza, lo spettacolo delle corse in notturna sul verde anello milanese. A partire dalle 20.00 e fino alle 23.00 circa, si disputeranno sei corse: i Premi delle Aste, Teatro alla Scala, Razza Sansalva, Oglio, Scalino e Villa Cortese. Le prime due sono riservate a puledri di due anni, sarà quindi interessante vedere all’opera le “nuove leve” dell’ippica italiana.
«Qualcuno ha detto “luci a San Siro non ne accenderanno più” – dichiara Fabio Schiavolin, a.d. del Gruppo Snai e presidente della Società Trenno – E si sbagliava. Battute sul sacro testo di Vecchioni a parte, Milano quelle luci torna ad accenderle e ad offrire l’ippica in notturna, dopo tanto, troppo tempo. E lo fa in un’occasione che segna un passaggio importante del nostro progetto, che mira a guardare l’ippica in modo nuovo, moderno e creativo. Non c’è sport d’élite che non sia passato per la cruna dell’integrazione tra le diverse anime dello spettacolo: i grandi tornei di tennis, la Champions League, la Serie A di moderna concezione. Noi crediamo infatti che il rilancio dell’ippica passi per un concetto forte e una sola definizione: integrazione. Si tratta cioè di integrare gli ippodromi con la vita della città che li ospita, le tradizioni, le radici, le esigenze di svago. L’evento “‘Le Luci a San Siro”, va proprio in questa direzione. I milanesi possono trovarvi un pezzo della loro cultura, declinata in vari modi: arte, cinema, musica, gastronomia. Ed è importante che ciò avvenga in un luogo di straordinario valore, l’unico ippodromo al mondo dichiarato monumento di interesse nazionale».

Commenta su Facebook


Cars2_old_120x600
Realizzazione sito
Avvertenze Balduzzi