Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Corte Cassazione. Scommesse, annullata l’assoluzione dal reato di gioco d’azzardo se il CTD non ha aderito alla sanatoria

In: CED e CTD, Diritto, Scommesse

21 luglio 2016 - 13:31


Betting-006

(Jamma) La Corte di Cassazione ha annullato l’ordinanza del Tribunale di Siena che ha asua volta annullato, per difetto di attualità del requisito del periculum in mora,il decreto di sequestro preventivo emesso dal Gip dello stesso Tribunale il 23 settembre 2015, per il reato di cui all’art. 4, comma 4bis, della legge n. 401 del 1989 di un punto di gioco non autorizzato. Per la Cassazione il caso non si riferisce a quanto prevede la legge di Stabilità 2015 per i centri che aderiscono a sanatoria. Il centro trasmissione infatti non ha versato la quota di 10.000 euro “revista dal richiamato comma 643. Come evidenziato dallo stesso Tribunale, la fattispecie in esame rientra, infatti, nell’ambito di applicazione del successivo comma 644, il quale si riferisce proprio ai soggetti che non aderiscono al regime di regolarizzazione di cui al precedente comma 643 o a quelli che, pur avendo aderito a tale regime, ne sono decaduti”.

Commenta su Facebook


Cars2_old_120x600
Realizzazione sito
Avvertenze Balduzzi