Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Terracina (LT), Spi-Cgil chiede regolamento per combattere ludopatia

In: Politica

2 agosto 2016 - 10:01


slot-te

(Jamma) – “Ancora una volta, visti gli ultimi dati che danno il fenomeno della ludopatia in aumento rispetto al 2015, noi dello SPI/CGIL Lega di Terracina-Fondi ritorniamo sull’argomento dato che questo mostro continua a mietere vittime mettendo a repentaglio sia la vita delle persone che le loro relazioni interpersonali.

 

Ormai è acclarato il fatto che siamo difronte ad una emergenza sociale senza precedenti ingigantita anche dalla crisi economica che travolge maggiormente i più poveri, i disoccupati e gli anziani. E’ evidente l’incidenza importante su tematiche quali l’economia, la società, la salute e la legalità. Al tutto si aggiunga che i costi sanitari diretti ed indiretti superano le tasse che lo Stato incassa dai giochi. Un giro di affari che nel Lazio, terza regione in Italia per i giochi d’azzardo, sfiora gli otto miliardi di euro con una spesa pro capite di circa 1.400 euro e che si avvicina al 5% del PIL regionale”.

 

Lo ricorda Lino Bucci, segretario generale SPI/CGIL Lega Terracina-Fondi.

 

“La cosa maggiormente preoccupante riguarda i minorenni: un’indagine della Paidòss (Osservatorio Nazionale sulla Salute dell’Infanzia e dell’Adolescenza) ci dice che il 20% di ragazzi tra i 10 e i 17 anni frequenta agenzie di scommesse, bingo e sale con slot-machine mentre oltre il 20% di coloro aventi età compresa fra i 7 e i 9 anni hanno già usato qualche euro per gratta e vinci e lotterie. In tantissimi casi i genitori sarebbero, il condizionale è d’obbligo, all’oscuro di ciò che accade ai loro figli.

 

La Regione Lazio, onde porre un freno alla ludopatia ha stanziato un milione di euro per l’apertura di 51 punti di ascolto e di accoglienza rivolto a coloro che sono vittime del gioco d’azzardo. Mentre registriamo con moderata soddisfazione quanto disposto dobbiamo comunque esternare la nostra amarezza sul fatto che la città di Terracina, città con oltre 40.000 abitanti, sia stata esclusa dall’elenco dei comuni coinvolti in dette aperture. Occorre tenere ben presente che già risulta difficilissimo indirizzare un ludopatico in un centro della propria città per essere curato figuriamoci se lo stesso deve percorrere oltre 30 Km. per essere ascoltato. A nostro avviso sarebbe stato più opportuno investire una somma superiore in modo tale da allargare il numero degli sportelli.

 

A tal proposito stiamo preparando una lettera che consegneremo personalmente all’assessore regionale alla Sanità, Visini, affinché si faccia parte dirigente nel rivedere la decisione. Comunque vogliamo mettere in evidenza il fatto che lo SPI/CGIL Lega di Terracina/Fondi è presente al tavolo distrettuale sulla ludopatia ed invitiamo tutti coloro che ne avessero necessità, ci rivolgiamo principalmente ai familiari dei diretti interessati, di mettersi in contatto con il SERD di Terracina sito in Via Fratelli Bandiera 15 – Tel. 0773-708215/0773-708216. Riteniamo altresì importante che un’Amministrazione Comunale la quale intende tutelare la salute e la qualità di vita dei propri cittadini deve necessariamente adoperarsi nella prevenzione e nell’informazione del fenomeno.

 

A tal proposito in data 21 luglio lo SPI/CGIL Lega di Terracina – Fondi ha depositato nuovamente all’Ufficio Protocollo del Comune di Terracina una lettera, indirizzata al sindaco Procaccini, all’assessore ai Servizi Sociali, Tintari, e al presidente del Consiglio comunale, Gianfranco Sciscione, con la quale chiede l’approvazione di un Regolamento Comunale per le sale giochi e giochi illeciti così come tanti amministrazioni hanno fatto (vedi Comune di Formia).

 

Un regolamento che preveda:

L’apertura di sale giochi ad una distanza di metri 1.000 da luoghi sensibili quali: istituti scolastici e universitari, impianti sportivi e centri parrocchiali, giardini e parchi pubblici, ospedale;
il divieto di apertura di sale giochi ad una congrua distanza da sportelli bancari, postali o bancomat nonché agenzie di prestito, pegno o attività in cui si eserciti l’acquisto di materiale prezioso;
l’impedimento di apertura di sale giochi negli immobili di proprietà o in gestione all’Amministrazione Comunale;
che ai titolari dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande che rinunciano e/o dismettano apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro possano essere concesse agevolazioni fiscali;
l’inserimento tassativo di orari di aperture e chiusure sia delle sale giochi autorizzate che delle apparecchiature da gioco così come previsto dalle norme del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (TULPS).
Inoltre concordare con le Forze dell’Ordine un controllo ferreo sull’età di coloro che frequentano dette sale.

 

Ma tutto ciò basta ad arginare il fenomeno? La nostra risposta è sicuramente negativa se non si lavora in sinergia con Scuole, Associazioni, Sindacati, ASL ed Amministrazione Comunale sulla prevenzione incontrando sull’argomento giovani, meno giovani ed anziani con professionisti del settore, giornalisti e politici, così come da qualche anno purtroppo in solitaria, stiamo facendo noi dello SPI/CGIL Lega di Terracina/Fondi”.

Commenta su Facebook


Cars2_old_120x600
Realizzazione sito
Avvertenze Balduzzi