Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Gioco d’azzardo, D’Amelio (Campania): “Puntare su cabina di regia che metta insieme sinergie già operanti nel campo delle dipendenze tradizionali”

In: Politica

29 settembre 2016 - 15:42


Campania_Regione

(Jamma) – Affrontare la complessità delle dipendenze patologiche da un punto di vista politico e amministrativo. La prima conferenza del Mezzogiorno dedicata alla cura e alla prevenzione delle nuove dipendenze patologiche nell’aula magna da facoltà di biotecnologie dell’Università Federico II a Napoli.

 

“L’incontro dimostra che Napoli è un crogiuolo interessante di queste esperienze – ha detto Rosetta D’Amelio presidente del Consiglio Regionale della Campania – Ci sono 14 enti ausiliari, circa 200 operatori e credo che come Regione dobbiamo fare in modo che ci sia una cabina di regia che metta insieme le sinergie che abbiamo e che operano già nel campo delle dipendenze tradizionali per affrontare quelle nuove come il gioco d’azzardo patologico. Mentre prima le dipendenze erano legate ad una fascia d’età, quelle nuove sono trasversali. Definire quindi un piano di lavoro insieme agli enti ausiliari, al Sert e le aziende sanitarie per essere utili alle tante persone che vivono situazioni di bisogno ma lavorando anche sulla prevenzione».

 

«È la prima conferenza del Mezzogiorno per accendere i riflettori su quelle che sono le dipendenze patologiche conosciute con alcolismo, droga, che vengono affrontate da anni ma hanno bisogno di nuovi percorsi di cura, ma soprattutto per quelle legate agli stili di vita come il gioco patologico, l’uso di internet e dei mezzi tecnologici che hanno bisogno di percorsi specifici. Oggi le norme non consentono di poterle affrontare, c’è l’esigenza di nuovi percorsi di cura”, ha detto Daniele Scarallo, presidente Coordinamento Enti Ausiliari Regione Campania.

Commenta su Facebook


Cars2_old_120x600
Realizzazione sito
Avvertenze Balduzzi