Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Giochi. Operatori del gioco su nuovo regolamento slot: “A Napoli il Comune fa il contrario rispetto al Governo”

In: Politica

8 settembre 2016 - 11:24


napoli-panini

(Jamma) Evviva la coerenza! Quando si tratta di giochi la politica riesce a dare il meglio di sé. Lo sottolineano in una nota gli operatori del gioco di Napoli riuniti sotto l’Unione delle Sale Bingo e l’associazione degli operatori , due rappresentanze costituitesi in concomitanza con l’annuncio del Comune di Napoli dell’entrata in vigore del nuovo regolamento sulle slot.

“L’assessore Enrico Panini ha dichiarato che il Comune di Napoli ha dovuto riempire un vuoto normativo lasciato dal Governo, ma il Governo va nella direzione opposta al Comune di Napoli” osservano gli operatori in una nota. E in effetti pare sia proprio così.

Panini sostiene di aver avviato “un processo virtuoso” e “assieme ad altri comuni siamo quegli apripista che sperano ben presto il governo italiano intervenga”.

E, secondo quanto dichiarato dal Premier Renzi in una intervista televisiva, pare proprio che la linea di intervento dell’esecutivo potrebbe essere esattamente l’opposto rispetto a quella dell’amministrazione di De Magistris.

Al momento infatti una delle possibili misure che il governo si accingerebbe a proporre agli Enti locali sarebbe infatti l’installazione delle slot esclusivamente laddove l’esercizio (bar o tabaccherie) disponga di un’area riservata al gioco e quindi on accessibile ai minore e accessibile a tutti gli altri solo attraverso uno strumento di identificazione e riconoscimento.

A Napoli invece, lamentano gli operatori, sta succedendo il contrario. “A Napoli si chiudono le strutture dove non è consentito l’ingresso ai minori ( vedi le sale scommesse e le sale bingo) , lasciando inalterata la raccolta dei giochi dove invece i minori possono accedere ……. evviva la logica partenopea di prevenzione minorile della Ludopatia!”.

Commenta su Facebook


Cars2_old_120x600
Realizzazione sito
Avvertenze Balduzzi