Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

A Fossano (CN) giro di vite contro il gioco d’azzardo, a breve un’ordinanza con limitazioni orarie e distanziometro

In: Politica

17 agosto 2016 - 15:31


Slotminori

(Jamma) – Davide Sordella, sindaco di Fossano, si muove contro il gioco d’azzardo. In accordo con i colleghi delle sette sorelle ed altri primi cittadini della Granda, firmerà un’ordinanza per regolamentare, e di fatto limitare, il gioco d’azzardo sul territorio comunale fossanese. “Il provvedimento che chiaramente non rappresenta la panacea di tutti i mali – spiega il primo cittadino – ha lo scopo di tutelare i soggetti più deboli, così come le disposizioni che prevedono l’installazione di apparecchi per il gioco d’azzardo lontano dai luoghi definiti sensibili, come ad esempio lo sono le scuole”.

 

L’ordinanza limiterà il gioco d’azzardo lecito, senza impedire del tutto l’utilizzo dei dispositivi per non menomare la libertà di impresa, fintanto che tale attività sarà annoverata tra quelle consentite dalla Legge. Sarà ridotto il range temporale in cui i giocatori potranno utilizzare gli apparecchi da gioco in denaro, con l’obiettivo di impedirne l’uso indiscriminato, in particolare nelle fasce nelle quali è maggiormente probabile l’accesso degli anziani e degli adolescenti. L’ordinanza stabilirà l’orario in cui si potrà accedere agli apparecchi di intrattenimento e svago con vincita in denaro dalle ore 12 alle ore 24 di tutti i giorni, compresi i festivi, sia negli esercizi autorizzati (bar, ristoranti, alberghi, rivendite tabacchi, esercizi commerciali, circoli ricreativi, ricevitorie lotto ecc.) che nelle agenzie di scommesse, nelle sale bingo e simili.

 

Nelle rimanenti ore le macchine dovranno essere spente tramite l’apposito interruttore e rimanere inaccessibili al pubblico. I titolari degli esercizi avranno l’obbligo di esporre un cartello in luogo ben visibile contente formule di avvertimento sul rischio di dipendenza dalla pratica di giochi con vincita in denaro e l’indicazione dell’orario di apertura delle sale giochi e del funzionamento degli apparecchi. La violazione delle disposizioni previste dall’Ordinanza comporterà la sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di 500 ad un massimo di 1.500 euro. Il contenuto dell’Ordinanza verrà condiviso con i rappresentanti di categoria per concordare le modalità di attuazione e l’informazione ad esercenti ed utenti.

Commenta su Facebook


Cars2_old_120x600
Realizzazione sito
Avvertenze Balduzzi