Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Casinò, Baretta: “Già fissato incontro con Alfano su concentrazione governance delle quattro case da gioco italiane in un’unica società”

In: Casinò, Politica

4 aprile 2016 - 09:56


Pier-Paolo-Baretta9

(Jamma) – “Lo Stato ricava circa 8 miliardi l’anno dal gioco, ma le conseguenze negative sul piano sociale dal proliferare di slot e videolotterie nei locali ci ha indotto a intervenire”. Così il sottosegretario all’Economia con delega ai giochi, Pier Paolo Baretta. “Abbiamo previsto un taglio del 30 per cento sul territorio nazionale di tutte le slot presenti in bar e tabaccherie, che dovranno scendere quindi dalle circa 340 mila censite al 31 luglio dello scorso anno, a circa 260 mila.

 

Stabiliremo anche altre misure dissuasorie verso il gioco nei locali pubblici da parte dei cittadini, come ad esempio il fissare il numero massimo di apparecchi che ogni bar o tabaccheria può ospitare e la nessuna forma di visibilità esterna al locale che segnali la presenza delle slot, con l’assoluto divieto ai minorenni di potervi accedere”.

 

Misure di controllo di cui dovrebbero indirettamente giovarsi i Casinò, tra cui quello di Venezia. Baretta è da tempo anche il sostenitore di un progetto che prevede di concentrare le governance delle quattro case da gioco italiane in un’unica società sotto il controllo dello Stato anche per migliorarne l’efficienza e le scelte: “ho già fissato un incontro per discutere della questione con il ministro degli Interni Angelino Alfano – dichiara il sottosegretario – ma è chiaro che bisogna muoversi con delicatezza proprio per gli interessi in gioco dei Comuni interessati, come appunto quello di Venezia”.

Commenta su Facebook


Cars2_old_120x600
Realizzazione sito
Avvertenze Balduzzi