Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Aosta. Fulvio Centoz (sindaco) : “Con Confcommercio ripreso il confronto anche sul tema del gioco d’azzardo patologico”

In: Politica

20 giugno 2016 - 12:15


aosta-consiglio

(Jamma) Tariffe parcheggi, ludopatie, manifestazioni e iniziative sul territorio, progetti per dare risposte al comparto commerciale della città. Sono stati questi gli argomenti al centro dell’incontro, della durata di un’ora e mezza, avvenuto mercoledì 15 giugno 2016 tra parte della Giunta comunale di Aosta e la ConfCommercio VdA.  Al tavolo hanno preso parte il Sindaco di Aosta, Fulvio Centoz, la Vice sindaca con delega al Commercio, Antonella Marcoz, l’Assessore allo Sport, Carlo Marzi e l’Assessore alla Mobilità, Andrea Edoardo Paron. Per la delegazione di ConfCommercio erano presenti il presidente, Pierantonio Genestrone, i vice presidenti, Giuseppe Sagaria e Graziano Dominidiato e il direttore, Emilio Cenghialta.

“E’ stata l’occasione per riprendere alcuni temi di attualità che interessano il tessuto commerciale della città – evidenzia il Sindaco Fulvio Centoz – Abbiamo ribadito il ruolo importante che questa Amministrazione comunale riconosce a ConfCommercio quale partner istituzionale e di riferimento del settore. Cerchiamo di avere un dialogo aperto e schietto con tutti”.

L’incontro è quindi finalizzato a risolvere le divergenze tra associazione e amministratori su come affrontare il tema del gioco d’azzardo “Il problema della dipendenza dal gioco d’azzardo deve essere affrontato “fuori dagli ideologismi e guardando alla concretezza”. Aveva fatto sapere in una nota Confcommercio Valle d’Aosta all’indomani di due incontri con l’assessore alle politiche sociali del Comune di Aosta Marco Sorbara e con il consigliere comunale Andrea Manfrin della Lega Nord.

Silvestro Mancuso, responsabile giochi di Confcommercio, riferiva di aver “trovato alcuni punti di incontro” con l’assessore Sorbara sulle iniziative di prevenzione rivolte in primis a famiglie e bambini. C’è invece contrarietà “alla legge regionale nella parte che prevede la retroattività dell’applicazione in ordine all’adeguamento alla norme” tanto che Confcommercio aveva annunciato possibili azioni legali “se sussistono le condizioni di incostituzionalità”. Ancora Mancuso: “Non è possibile che un imprenditore traslochi un’attività che ha richiesto grandi investimenti e avviata prima dell’entrata in vigore della legge”.

Commenta su Facebook


Cars2_old_120x600
Realizzazione sito
Avvertenze Balduzzi