Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Francia. Nasce l’associazione degli e-Sport. Ma il Parlamento deve risolvere la questione dell’alea

In: Cronache

27 aprile 2016 - 15:39


axelle-lemaire

(Jamma) Non c‘erano i fan, i computer e la messa in scena con musica e proiettori, come nei grandi tornei ieri nei locali del Ministero dell’Economia e delle Finanze francese dove è stata presentata ufficialmente eSports Francia, un’associazione che comprende la maggior parte dei giocatori degli eSports. Intorno al tavolo, i rappresentanti di una dozzina di aziende e associazioni: gli organizzatori dei tornei di videogiochi , i media specializzati e i sindacati professionali (Unione di ISV il tempo libero, Unione nazionale dei videogiochi) .

L’annuncio è stato dato dal Segretario di Stato per il digitale, Axelle Lemaire. Il mondo degli eSport lotta da anni per ottenere il riconoscimento per uscire dalla ” zona grigia ” dei premi in denaro assegnati ai giocatori. Oggi il disegno di legge per una ‘Repubblica digitale, all’articolo 42, che tratta proprio dei videogiochi , potrebbe finalmente garantire il riconoscimento di questa attività come attività perfettamente legale. “Il Comitato per la legge ha modificato il testo proposto, che ha portato ad irrigidire il sistema dei concorsi su e-sport assimilandosi ai giochi da casinò. Non era lo spirito della proposta [dopo il rapporto parlamentare sullo sport elettronico], quindi credo che ci sarà un interessante dibattito in Senato “, ha detto la ministra Lemaire. Il Segretario di Stato ha auspicato “la mobilitazione di giocatori”, che avevano ampiamente partecipato alla consultazione on line su questo disegno di legge per richiedere che gli e-sport siano esclusi dalla categoria dei giochi a vincita.

L’associazione nata ieri è orientata a “mappare” la comunità degli e-sport, è “un primo passo per favorire il suo emergere come uno sport a tutti gli effetti.” L‘associazione, in ultima analisi, aspira a trasformarsi in una federazione così come gli sport “classici”. “Ci si imbatte ancora con il pregiudizio , falso, secondo cui gli e-sport non richiedono sforzo fisico”, ha spiega Matthieu Dallon, il presidente dell’associazione. “Crediamo debba poter contare sul sostegno del Ministero delle Finanze, gli e-sport sono fatti da persone che lavorano, dietro c’è fatica” ha detto la Lemaire in apertura del suo discorso.
Le competizioni sportive al videogioco , secondo il governo, sono una opportunità per la Francia che potrebbe diventare uno dei maggiori organizzatori di tornei , a fianco della Corea, Svezia e Stati Uniti.

Resta un aspetto da definire, che suscita il sospetto dei parlamentari ed è uno dei pochi punti di divisione all’interno della comunità di gioco: i giochi che prevedono una componente di fortuna. Mentre la maggior parte dei giochi competitivi non lasciano spazio alla casualità (Starcraft, League of Legends Call of Duty …), altri, come il popolare gioco di carte online Hearhtstone, comprende un elemento di alea, che complica la creazione di un unico status per tutti tornei.

“Non è il nostro ruolo escludere particolari gioco- dice Dallon. Ma è chiaro che i giochi che coinvolgono troppo d’azzardo non si adattano davvero agli e-sport, per motivi legali, ma anche per ragioni di equità sportiva”.

Commenta su Facebook


Cars2_old_120x600
Realizzazione sito
Avvertenze Balduzzi