Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Austria. Il divieto per le slot fa impennare il mercato illegale del gioco d’azzardo

In: Cronache

11 maggio 2016 - 18:24


vienna-par

(Jamma) L’introduzione del divieto alle slot a vincita limitata introdotto dal Governo austriaco ha determinato una impennata del fatturato del mercato illegale del gioco d’azzardo. E’ quanto rivela una ricerca della società di consulenza Kreitzer Fischer und Partner . Secondo i ricercatori nell’ultimo anno la raccolta di gioco è cresciuta del 3% per un totale di 1,551 miliardi di euro. Oltre 600 milioni sono riferibili alla lotteria gestita dalla Casinos Austria che, comunque , ha registrato un calo di 6 milioni di euro rispetto allo scorso anno.

Le sale da gioco diverse dai casinò hanno lasciato sul campo il 10,6% del reddito lordo, per un totale di 338 milioni di euro. Secondo gli analisti l’unico a non subire flessioni sarebbe il mercato illegale. Solo a Vienna ci sarebbero almeno 600 slot irregolari, ovvero prive di autorizzazione. Nell’Alta Austria il parco macchine conterebbe invece 1.700 unità .

A poco invece sono servite le operazioni di contrasto al mercato illegale: 763 apparecchi sequestrati in Alta Austria, 335 a Vienna, 295 in Bassa Austria, 249 in Tirolo.

Il gioco d’azzardo online registra una crescita davvero considerevole: circa 30 milioni di raccolta in pochi mesi. La quota di mercato detenuta dalle slot a vincita limitata sarebbe in parte confluita nei 12 casinò autorizzati. Si parla di un incremento del fatturato del 26%, pari a 212 milioni di euro. “Fonti governative sostengono che questo incremento è dovuto alla presenza dei turisti stranieri, ma questo è falso. Si tratta di ‘forti giocatori’ provenienti per lo più dalla zona di Vienna e del Baden” .

Commenta su Facebook


Cars2_old_120x600
Realizzazione sito
Avvertenze Balduzzi