Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Vercelli, AsTro: “Plauso a coraggio e lungimiranza sindaco. L’industria è pronta a mettere in atto immediatamente progetti seri e sostenibili”

In: Associazioni

3 ottobre 2016 - 10:22


astro

(Jamma) – “La notizia della “rimodulazione” dell’ordinanza oraria “Vercellese”, restrittiva dell’esercizio degli apparecchi da gioco lecito, è stata favorevolmente accolta dalla categoria dei gestori Astro, i quali, adesso manterranno le promesse fatte in tutti i Comuni d’Italia mediante la presentazione di “un gioco buono anche per il territorio”.

 

Astro ha da sempre contestato le ordinanze restrittive contro le slot “a vincita limitata a moneta metallica” non per gli obiettivi che si prefiggevano (ovvero la tutela della salute pubblica), ma in quanto ritenute inutili e persino dannose, come strumento proprio per raggiungere quell’obiettivo fortemente voluto da tutte le parti (un gioco responsabile, sociale, legale, controllato).

 

Alcuni aspetti “intuitivi” hanno da sempre portato Astro a ritenere che simili ordinanze non tutelassero affatto il giocatore dalle “derive” compulsive al gioco, bensì lo orientassero “proprio” verso prodotti decisamente più impattanti o verso l’illegalità (che poi è l’offerta più impattante di tutte). Non è difficile pensare che se si spengono le slot legali, i giocatori, specialmente quelli che hanno un atteggiamento non “cauto” nei confronti del gioco, si rivolgano verso altri prodotti, e non è difficile pensare che vietando il gioco legale, si insinui nel tessuto sociale il gioco illegale. Abbiamo a tal proposito moltissimi esempi che confermano questa tesi come la Lombardia (aumento dei malati dalla promulgazione della legge regionale di oltre il 40%) o la Liguria e Bolzano dove l’illegalità la fa da padrona. Riteniamo che inibire o ghettizzare il gioco legale non sia la soluzione giusta e per questo siamo convinti che l’amministrazione Vercellese abbia avuto una visione corretta del fenomeno e molto coraggiosa, rimodulando l’ordinanza ma confermando lo “stop” di operatività sino a metà mattinata.

 

E’ proprio da Vercelli che partirà quindi un atto di responsabilità e serietà da parte dell’industria legale rappresentata da Astro-Confindustria, ed è a Vercelli che immediatamente attueremo il progetto un gioco buono per il territorio che prevede in sintesi:
1) Corsi di formazione per gli esercenti;
2) Punti di informazione all’interno dei pubblici esercizi;
3) Riduzione delle slot dai pubblici esercizi del 50% delle attuali possibilità di installazione, e non superiori a 4;
4) Riposizionamento, all’interno dei pubblici esercizi, delle slot in aree o zone delimitate e controllate, possibilmente rendendo non visibili le slot da parte di quell’utenza disinteressata a quel prodotto accessorio;
5) Cooperazione con i Serd, per prevenire fenomeni di gioco compulsivo anche con intervento di uno psicologo nel punto vendita qualora si manifestassero certe patologie;
6) Maggiore cooperazione con le forze dell’ordine per individuare illegalità e crimini riconducibili al gioco;
7) Individuazione di un progetto sociale “cittadino”, e finanziamento dello stesso da parte dell’industria del gioco lecito.

 

Astro è fortemente convinta che prevenzione – formazione – informazione – riduzione – razionalizzazione e “professionalizzazione” e dell’offerta siano l’unico mix di fattori che possa limitare al massimo l’impatto del gioco nel territorio e possa consentire all’industria legale di essere il primo baluardo della legalità e di un comportamento responsabile (preservando al contempo il gettito erariale e i livelli occupazionali garantiti dalle migliaia di aziende addette). Una sfida enorme per l’industria, che, al fianco di Amministrazioni lungimiranti, Astro accoglie ma al tempo stesso propone”.

 

Lorenzo Verona (Comitato di Presidenza AsTro)

Commenta su Facebook


Cars2_old_120x600
Realizzazione sito
Avvertenze Balduzzi