Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

AWP-R, l’avv. Rusciano (AsTro): “L’innovazione che passa attraverso “il passato che funziona”, quello delle attuali AWP”

In: Apparecchi Intrattenimento, Associazioni

17 maggio 2016 - 16:40


Isabella_rusciano

(Jamma) – “L’evoluzione tecnologica dei congegni da gioco lecito, previsto dalla legge n. 208/2015, costituisce una vera e propria “rivoluzione” che il mercato del gioco legale dovrà affrontare, sostituendo tutti gli attuali congegni con apparecchi che “consentono il gioco esclusivamente da remoto”.

 

Il progetto attuativo – spiega l’avv. Isabella Rusciano (staff legale AsTro) – presentato dal Tavolo Tecnico Inter-associativo di S.G.I., è stato impostato per garantire – prima di tutto – un solco di continuità con tutti quei parametri tecnici che hanno garantito sino ad oggi il successo del congegno a moneta metallica a vincita limitata, e – in secondo luogo – la realizzazione di alcune fondamentali esigenze di modernità (controllo della maggiore età, elevazione della sicurezza per gli operatori e per l’Erario). I principi ispiratori sono stati, dunque, la tutela del consumatore, in particolare dei minori, la salvaguardia del mercato e lo sviluppo tecnologico attraverso la crescita di un know how specialistico.

 

Di base, però, l’awpR resta pur sempre un awp, ovvero un apparecchio a ciclo compensato internamente, attivabile solo con moneta metallica, e soprattutto con un costo partita immutato a 1 euro cui abbinare una vincita massima di soli 100 euro, nel contesto di un pay out di ciclo del 70%. Potrebbe sembrare, quindi, singolare che l’innovazione tecnologica del segmento passi attraverso un congegno che resta, di base, proprio quello che sta per essere ‘eliminato’. ‘Pigrizia’ tecnologica, paradosso dell’innovazione, no: si chiama ‘path dependence’ che letteralmente significa ‘dipendenza dal percorso tracciato’.

 

Nata come teoria dell’azione economica in cui, piccoli eventi passati, anche se non rilevanti, possono avere implicazioni in tempi diversi, la ‘dipendenza dal sentiero tracciato’ ci insegna che noi, come utilizzatori, abbiamo sempre bisogno di innovarci, creare del nuovo che sia migliorativo del passato ma, nello stesso tempo, ci rifacciamo sempre a ciò che è stato, mantenendo, comunque, una continuità con esso. Un curioso ‘sviluppo ideale’ di questa teoria lo si vede nella tastiera ‘Qwerty’, ovvero quella che conosciamo ed utilizziamo tutti perché la troviamo su computer, smartphone e tablet.

 

La disposizione delle lettere –casuale e senza alcuna logica- è tale dal 1868, ovvero da quando Christofer Sholes, direttore di un quotidiano locale di Milwaukee (USA) ovviò ad un inconveniente delle vecchie macchine da scrivere che si inceppavano tutte le volte in cui si scriveva velocemente. Sholes decise di distribuire le lettere su tre righe facendo in modo che quelle più frequentemente usate nella lingua inglese (T e H o T e S) fossero distanziate tra di loro. Quando si svilupparono gli studi sistematici sull’efficienza e sull’ergonomia, vennero distribuite le nuove macchine elettroniche e inventarono i primi pc, naturalmente, non esisteva più il problema dell’inceppamento ma, ciò nonostante, la disposizione delle lettere non mutò, rimase inalterata. La ‘colpa’ fu, appunto, della ‘path dependence’: perché abituarsi ad altro quando c’è già qualcosa che, oltre ad essere largamente diffuso, funziona? Dunque, anche la tastiera virtuale del nostro cellulare ci insegna che il futuro è figlio del passato, che a sua volta può essere conseguenza di fattori contingenti, accidentali o addirittura occasionali. Molto spesso accade, però, che si percorra il ‘sentiero tracciato’ perché è quello selezionato, quello giusto, a volte addirittura quello migliore. Questa concezione, volendo, si adatta perfettamente a quella che è l’innovazione e l’evoluzione dei congegni da gioco awpR che, comunque, si rifà alle vecchie awp. E la ragione è presto detta: la struttura e la logica di funzionamento delle –ormai- vecchie Awp è la base migliore per costruire l’innovazione tecnologica dei nuovi congegni.

 

I segreti del successo della ‘slot light a moneta metallica’ sono stati proprio i sopracitati parametri di esercizio, che lo hanno reso l’apparecchio a cui poter accedere anche con il solo resto del caffè o delle sigarette, ricevendo in cambio un intrattenimento frazionabile anche in partite da 10 centesimi. Alla facilità d’uso, infine, si è sempre affiancato il suo vero “valore aggiunto”, ovvero l’essere gestita dall’operatore di settore, e quindi costantemente innovata nella tematica di gioco. Innovazione si, ma sempre con l’esigenza di rivolgere un occhio a ciò che è stato, a ciò che ha funzionato perché in fondo, quando s’innova, non si elabora mai niente di totalmente nuovo, ma si continua, si mantiene e si rinnova una tradizione, migliorandola, come nel caso delle nuove awpR. Questo è l’insegnamento che ci tramanda la storia della industria mondiale, e noi lo trasformiamo nel nostro auspicio” conclude Rusciano.

Commenta su Facebook


Cars2_old_120x600
Realizzazione sito
Avvertenze Balduzzi