Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Agcai, seconda tavola rotonda a Roma: “La maggior parte dei gestori non sono d’accordo con Sapar e AsTro”

In: Associazioni

26 luglio 2016 - 12:50


agcai-log

(Jamma) – “Un’urgentissima tavola rotonda si terrà a Roma – scrive in una nota Agcai – il 2 agosto alle ore 11.00 presso l’Hotel Nazionale in piazza Monte Citorio, il giorno prima della Conferenza Stato-Regioni. Nella riunione ci sarà una vasta partecipazione di onorevoli e sindaci interessati al tema del gioco, oltre a Pippo Franco, ormai esperto in materia, ed a numerose testate giornalistiche e televisive. L’obiettivo è quello di far emergere uno scandalo legato al fatto che il Governo sta favorendo le slot del tipo VLT gestite dalle multinazionali, relegando tutto il gioco nelle pericolose sale d’azzardo.

 

All’incontro – prosegue Agcai – sono stati invitati anche AsTro, Sapar, La Sentinella ed il Sottosegretario Baretta, ma siamo sicuri che non si presenteranno in quanto ormai sembrano tutti d’accordo con il far rimanere solo due AWP nei locali pubblici, il che agevolerà in modo evidente la migrazione dei giocatori verso le sale VLT delle multinazionali, mancando nei bar una offerta di gioco differenziata che dovrebbe essere di almeno quattro AWP, come proposto dalla nostra associazione già molto tempo fa, quando l’Onorevole Baretta nella Delega Fiscale ne voleva lasciare addirittura sei per ogni bar. Peraltro le future AWP finalmente saranno innocue e serviranno a prevenire l’azzardopatia e quindi potranno maggiormente contrastare il gioco d’azzardo delle sale e dell’online, per cui non ha senso ridurle fino a due per ogni bar. Inoltre per tutelare i minori nei bar è necessario che l’esercente attivi il gioco tramite un dispositivo per ogni giocatore, in modo da controllare di volta in volta la maggiore età dei giocatori (come accadeva per il biliardo, dove bisognava richiedere le palle all’esercente per poter giocare).

 

L’accordo tra Governo ed associazioni – aggiunge Agcai – nei fatti è strumentale solo ad agevolare le multinazionali delle slot del tipo VLT. In effetti Sapar ed AsTro non hanno nemmeno risposto alle nostre esortazioni in merito all’urgenza di protestare e bloccare questo piano del Governo che di fatto elimina i gestori dal mercato ed indirizza i giocatori nelle Sale-VLT, ma questo ormai è chiaro a tutti: si vuole distruggere il comparto dei gestori, rimarranno solo 5/6 grandi aziende di gestione. Anche Acadi, associazione dei concessionari, nell’ultimo articolo pubblicato su Jamma pare evidenziare come siano tutti d’accordo con il piano del Governo, ma questo non è assolutamente vero e dobbiamo farlo capire con urgenza, prima che venga approvata la proposta del Governo. Il disegno di spostare tutto nelle sale delle multinazionali è sempre più chiaro.

 

E’ urgentissimo che tutti i gestori siano oggi uniti come non mai, e si incontrino in massa a Roma per far capire al Governo, alle Regioni, ai politici ed ai sindaci una cosa molto semplice: le “macchinette” non sono tutte uguali e relegare tutto il gioco nelle sale VLT è un genocidio dei giocatori. E’ evidente che questa manovra è studiata dal Governo Renzi solo per fare un favore alle multinazionali dell’azzardo, non certo per tutelare i giocatori o i minori. Ci auguriamo vivamente che AsTro e Sapar si rendano conto del grave errore commesso con tale accordo e che facciano chiarezza sulla loro posizione, rinnovandogli l’invito a partecipare a questa riunione contro le VLT, a difesa della salute dei giocatori e dei gestori. Se si vuole tentare di far emergere la realtà, è necessaria la presenza di ogni singola azienda di gestione da tutta Italia, l’incontro è di vitale importanza per le sorti del settore” conclude Agcai.

Commenta su Facebook


Cars2_old_120x600
Realizzazione sito
Avvertenze Balduzzi